Category Archives: Activities

The expressive-sensorial qualities of self-made bio-plastics

The workshop “The expressive-sensorial qualities of self-made bio-plastics” has been held during the 18th Creative Marathon – International Workshops from the 18-21 December 2017 in Barcelona.

DIY-Materials are defined as materials created through individual or collective self-production experiences, often by techniques and processes of the designer’s own invention, as a result of a process of tinkering with materials. When the designer initiates a self-production path aimed at obtaining the material, she or he realizes that this process is closely related to the study and design of the expressive-sensorial dimension of the material itself. This dimension is characterized by the qualities set determining the sensory relationship with the user, the identity and the recognizability of the material. The expressive-sensorial dimension has a great impact on the definition of the whole materials experience, which is the experience that people have through or with materials. In this workshop, using the recipes for self-produced bioplastics and the approach based on material tinkering, i.e. creative and playful direct experimentation with materials, we want to focus on the qualities of the expressive-sensorial dimension such as touch, texture, transparency, gloss, and color, in order to develop and envision meaningful materials experiences. Furthermore, we encourage students to hack the initial recipes by adding other ingredients and components that could elicit unique aesthetics and smart behaviors. The output is a collection of materials samples embodying different expressive-sensorial qualities. The goal of the workshop is to create the foundations for a material education based on direct experimentation with materials for the acknowledgment and design of their expressive-sensorial dimension.

The laboratory held by the MADEC expert group (Valentina Rognoli, Marinella Ferrara, Camilo Ayala Garcia, Stefano Parisi) and Barbara Pollini stimulated the experimentation of the students with a basic sensory expressive product. These were presented in a final of the workshop where groups of students presented their experiments in a narrative structure of material visions.

More info at the following link: http://www.elisava.net/en/center/agenda/18th-elisavas-creative-marathon

MARBLE VISIONS. MATERIAL DESIGN FOR LIVING FUTURES.

GLI STUDENTI DI DESIGN DEL PRODOTTO PROGETTANO INEDITE VISIONI SU PIETRE, GRANITI E MARMI IN COLLABORAZIONE CON L’AZIENDA CAMPO MARMO

di Stefano Parisi

Eterni, statici, freddi. Marmi, pietre e graniti sono spesso considerati materiali caratterizzati da un’identità ben consolidata e immutabile. Tuttavia grazie allo sviluppo di tecniche produttive, come le sempre più diffuse tecnologie a controllo numerico, e all’integrazione del processo creativo è possibile ampliarne le possibilità espressive, conferendo una nuova dimensione esperienziale e identitaria e stravolgendo le convenzioni.

Questo approccio è stato il fulcro del workshop “Marble Visions. Material Design for Living Futures” che tra il 2 e il 6 maggio si è tenuto presso il Politecnico di Milano in collaborazione con MADEC e l’azienda siciliana Campo Marmi di Giovanni Campo che da quattro generazioni si occupa di lavorazioni di materiali lapidei locali, nazionali e internazionali per l’edilizia e che sotto la guida del figlio Giuseppe si è posta una nuova sfida: la produzione di una collezione di arredi e complementi in materiali lapidei per l’abitare contemporaneo in cui ricerca per il futuro e tradizione siano coniugati.
46 studenti del Corso di Laurea in Design del Prodotto Industriale, provenienti da 9 nazionalità diverse, sono stati guidati in cinque intense giornate dai docenti Prof.ssa Marinella Ferrara e Prof. Vincenzo Castellana e dal tutor Stefano Parisi.

Punto di partenza dei progetti: il materiale.

1. samples tasting

4. laboratotio

“Un’attività fondamentale nel workshop è stata sottoporre agli studenti i campioni di materiali” spiega la docente e coordinatrice del workshop Marinella Ferrara “Interagendo con i diversi materiali gli studenti hanno potuto conoscerne in modo diretto le proprietà tecniche e le qualità sensoriali comprendendone i limiti e le possibilità”.
A partire da questo momento di scoperta dei materiali gli studenti sono stati guidati nello sviluppo e definizione di “visioni materiche” allo scopo di narrare, plasmare e caratterizzare i materiali lapidei secondo inedite modalità espressive in grado di esaltare la sensorialità dei materiali al fine di creare un’esperienza ricca, stimolante ed emozionante.

2. revisioni

3. laboratorio

Parallelamente gli studenti hanno portato avanti un processo di analisi del vivere contemporaneo, evidenziando criticità e possibilità e prevedendo futuribili comportamenti e contaminazioni. Esito del workshop sono 13 collezioni di complementi d’arredo che intendono essere potenziali generatori di nuovi comportamenti assecondando azioni emergenti e rituali codificati o in mutazione nel paesaggio domestico contemporaneo nell’indoor e outdoor. Durante l’ultima giornata di workshop i progetti sono stati presentati all’azienda Campo Marmo.

“È notevole la creatività applicata dagli studenti e che ha permesso di generare idee fresche e innovative sia tecnicamente che esteticamente” affermano Giovanni e Giuseppe Campo sottolineando il valore del contributo che giovani professionisti e studenti di design possono offrire a un’azienda di piccole-medie dimensioni e auspicando di proseguire in questa direzione”

6. esame

5. esame

7. esame

8. esame 2

9. esame

10. esame

Salva

Salva

Salva

Salva

Stone Reinforced Ecoconcrete Open innovation project

Le Idee e la Materia 2016 presenta:

Stone Reinforced Ecoconcrete
Open innovation project

Giovedì 12 maggio 2016 | ore 14,30 – 17,00
Aula Gialla / 4° piano | Politecnico di Milano / Dipartimento di Design | via Durando 38/A / Milano – Bovisa

All’evento sarà presentato il progetto per lo sviluppo di un nuovo composito a base di fibre in basalto. Obiettivo dell’incontro è valutare l’interesse di più partner alla partecipazione e al finanziamento della prima fase di lavoro che si concluderà nel novembre 2016.

Programma

ore 14.30
Introduzione del gruppo di lavoro e presentazione partecipanti
prof. Marinella Ferrara (Politecnico di Milano / MADEC)

Interventi / collegamento con
Elisa Tonda (Head of the Business and Industry Unit in the UNEP Division of Technology, Industry and Economics Sustainable Consumption and Production Branch
Lucia Chierchia (Open Innovation Director Electrolux Group

Presentazione del progetto
Enrico Benco (GS4C)
prof. Giulio Ceppi (Politecnico di Milano / MADEC)
Intervento di
prof. Roberto Frassine (ASSOCOMPOSITI)

ore 16,00
Break

ore 16.15
Call for participation

ore 17,00
Chiusura lavori

0416-madec-aprile-locandina


Downloads

LOCANDINA

INVITO

 

SEMINARI DI FONDAMENTI DEL PROGETTO

Manuela Celi
Marinella Ferrara
con il contributo di MADEC

Corso di Laurea in Design del Prodotto Industriale
Laboratorio di Teorie e pratiche del Progetto | sez. P5
Aula CT 65 | Campus Bovisa | Scuola del Design | Politecnico di Milano

PROGRAMMA

PDF programma

22 marzo ’16 – h 9.30
Chiara Lecce, PhD Politecnico di Milano, MADEC
Franco Albini: il design e la materia tra tradizione e innovazione

5 Aprile ’16 – h 9.30
Emilio Tremolada, Fotografo
Fotografare il design 1926-2016

19 Aprile ’16 – h 9.30
Stefania Piotti, Esperta di Culture Orientali
Vuoto e materia nel design giapponese

10 maggio ’16 – h 9.30
Anna Cecilia Russo, Estetologa, giornalista e curatrice, PhD alla Sorbonne
La sedia tra comunicazione ed estetica

17 maggio ’16 – h 9.30
Sara Ferrari, designer
Design Ingredients

24 maggio ’16– h 9.30
Stefano Parisi, designer
Materials Design

PDF programma-3

manifesti seminari-1

 

Nuovi materiali per costruire il domani

Intervento di Marinella Ferrara, coordinatore di MADEC, al Forum del Design, il primo appuntamento prosumer dedicato al Design Thinking.

L’evento si è tenuto il 21 ottobre 2014 nell’ Auditorium di Palazzo Lombardia a Milano. Un’intensa giornata di incontri, di riflessione e di lavoro in cui imprenditori, designer, giornalisti e opinion leader hanno affrontato il tema del Design come paradigma della cultura contemporanea e media tra gli oggetti
e le persone.
Nuovi materiali per costruire il domani è il titolo del workshop di idee dedicato ai nuovi materiali per il design e l’architettura, e all’innovazione progettuale che sperimenta e interpreta i nuovi materiali.
Marinella Ferrara, coordinatore di MADEC, nel suo intervento ha delineato il futuro del progetto con i materiali smart, che offrono un’interazione aumentata con il fruitore aprendo nuove sfide al design  che caratterizzeranno il nostro futuro.

Italian Material Design: imparando dalla storia

Dicembre 2014. Arriva il numero 4 della rivista AIS/Design: Storia e ricerche edito dall’Associazione degli storici italiani del design. Il numero tematico è dedicato al “design dei materiali” letto nell’evoluzione storica della cultura del progetto industriale, e non solo, in Italia e curata da Giampiero Bosoni e Marinella Ferrara.

Un numero particolarmente ricco di contributi, scoperte e spunti di riflessione sulla cultura del design e la cultura dei materiali, basati in gran parte su documenti d’archivio inediti, che riportano la storia di piccole e grandi aziende ma anche episodi dell’eccellenza artigianale di diverse aree geografiche italiane nell’arco del novecento.

Prendendo in esame oltre che gli oggetti e i progettisti, anche la storia delle imprese con le capacità tecniche e gli interessi produttivi, e l’insieme di pratiche relazionali e comunicative, dibattiti, scritti e discorsi, questo n. 4 di AIS/design dimostra la definizione di una modalità del sistema del design italiano che ha contribuito a esprimere una propensione all’interpretazione del sapere tecnico, generando innovazione sia linguistica sia d’uso, e financo a costruire un mito di questa capacità di interpretare materiali e tecnologie produttive.

Ci auguriamo quindi che tale percorso temporale, per tappe eterogenee di diversa entità, carattere e dimensione, costituisca uno stimolo a sviluppare presto, in altre occasioni, altre prospettive di ricerca, ancora più ampie e articolate, sul rapporto storico della cultura del design italiano, e non solo, con il valore dei materiali in un rapporto sia tecnico, sia estetico che simbolico.

http://www.aisdesign.org/aisd/storiaericerche

 

Le idee e la Materia

Programma Ciclo di Incontri le Idee e la Materia

Politecnico di Milano – Campus Bovisa

Ciclo di incontri  le idee e la materia 
Di cosa saremo fatti e di cosa sarà fatto il mondo?

Le scienze e le tecnologie ampliano il campo del progetto, modificando i materiali e tutto ciò di cui ci circondiamo, incluso il nostro corpo, ridefinendo sul piano percettivo i confini tra noi e le cose. Il ciclo di incontri propone una riflessione sul tema dell’interazione tra le “idee sulla materia” e le “idee dalla materia”, guardando al rapporto tra design e scienza, tra “interni” ed “esterni”, tra corpo e ambiente, natura e artificio, materia e progetto. Gli incontri, cui parteciperanno esperti di differenti ambiti (dal design alle scienze della vita), si sviluppano intorno a tre metafore: estensione, osmosi, inclusione.

Continue reading Le idee e la Materia

“Le Idee e la Materia” incontra: Giuseppe Testa

15292656820_e90b4246e3_k
flickr Fondazione Bassetti

Martedì 7 ottobre, presso l’Aula Castiglioni del Campus Bovisa del Politecnico di Milano, ha avuto inizio il ciclo di conferenze Le Idee e la Materia con il primo intervento di Giuseppe Testa, direttore del laboratorio di epigenetica delle cellule staminali presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano.

Continue reading “Le Idee e la Materia” incontra: Giuseppe Testa